Ebola (13) ‎– Il Vero Degrado E' L'abitudine Al Vivere

Label:
Heresia Records ‎– none
Format:
CDr
Country:
Released:
Genre:
Style:

Tracklist

01 Voci
02 Through Sincerity Comes Security (Cripple Bastards)
03 Chiuso In Stereotipi Inutili
04 Socialità
05 Libera Interpretazione Della Vita (Altrui)
06 Sangue Alieno
07 Fino In Fondo (Wretched)
08 Sesso Mascherato Da Omologazione
09 Maala Taalo (Sorto)
10 Il Vero Degrado E' L'abitudine Al Vivere
11 Nassirya (Tetano)
12 Tutti Punx (Piscia Korsakov)

Credits

Notes

Questa autoproduzione è volutamente lercia, istintiva, cavernicola. Registrata praticamente in presa diretta con un mangianastri coperto da un panno. Questo disco è volutamente sporco, primordiale. Senza nascondersi dietro a illusioni artefatte e comode abitudini che sono sinonimo di apatia e corrosione mentale; senza nasconderci dietro a schemi piatti che sono specchio di una realtà che accumula ricchezze per inerzia e tradizione. Una realtà che si illude di lasciare il degrado fuori dalle mura domestiche. Ma il vero degrado nasce, cresce e si consuma dentro quelle mura, dentro gli uffici dove l’essere umano/insetto si nutre di normalità e di appiattimento della quotidianità. Il vero degrado è nelle finte scelte pilotate, nell’allucinazione di un salotto pulito, nella vuota adorazione di un vestito, di un oggetto, di un ruolo. Il vero degrado è nelle menti abituate al buio, nei cervelli atrofizzati, nell’accettazione incondizionata. Il vero degrado è il funerale delle idee, il vero degrado è l’abitudine al vivere.

This autoproduction is deliberately filthy, instinctive, cave-dwelling. Pratically, directly recorded by a radio covered by a rag. This disk is deliberately raw and primordial. Not hidden behind unnatural illusions or convenient habits, synonymous of hapaty and mental corrosion; without hidden us behind flat schemes that are the mirror of a society that accumulates riches for idleness and traditions. A reality deceived to leave the decay out of the houses, but the real decay bore, grow and consume in those houses, in the offices where the human man/insect is fed of normality and levelled daily life. The real decay is in the false daily choises, in the allucination of a clean drawing room, in the empty adoration of a dress, of an object or just a role. The real decay is in the minds habit to the dark, in the atrophied brains, in the unconditional acceptance. The real decay is the funeral of ideas, the real decay is the habit of living.

Reviews