Various ‎– La Nave Dei Folli

Label:
Amen - THX 1138 ‎– none
Format:
Vinyl, LP, Compilation, Picture Disc
Country:
Released:
Genre:
Style:

Tracklist Hide Credits

A1 Pagan Easter Also A Mirror Can Shatter
A2 Pagan Easter Pagan Easter
A3 Pagan Easter Too Many Problems
A4 Pagan Easter The Lament To A Northen Ireland Child
A5 Pagan Easter Terrible Wishes
A6 Pagan Easter Villa 21
B1 Pedago Party Valium
Bass – Cicco (3)Drum – Joe GranelliGuitar – Valter BonettiVocals – Desy Palladini
B2 Ça Ira E La Mente Si Muove Scordinata
Bass – Carola BaraldiDrum – Arturo BevilacquaGuitar – Silvano De NicoloKeyboards, Vocals – Monica FregosoVocals – Alberto Bollani
B1 Gronge Regolamento Di Condominio
B2 Gronge Taglio Frontale
B3 Gronge Frutti Finti

Notes

Picture disc compilation attached to AMEN #7 fanzine, 83-pages.

"Numero speciale sulla follia"

Comes with a special metal grate that encases the release.

Barcode and Other Identifiers

  • Matrix / Runout (Label side A): THX 1138 A
  • Matrix / Runout (Label side B): THX 1138 B
  • Rights Society: SIAE

Reviews

Add Review

Sonor_Music

Sonor_Music

February 1, 2012

Vittore Baroni [Rockerilla n.99 - novembre 1988]

In un articolo di alcuni mesi fa mi dolevo della mancanza, in Italia, di pubblicazioni sotterranee di un certo spessore contenutistico, fra quelle che si muovono a diretto contatto con la scena musicale. A smentirmi arriva questo ricco numero speciale della rivista Amen, consiste in una compilation su picture disc più libro di 84 pagine, il tutto rinchiuso in un contenitore metallico. Originalità della confezione a parte, il lavoro vuole fornire alcuni elementi di riflessione (come già l'ottimo opuscolo più disco sulla situazione nel Salvador) sul problema estremamente complesso e difficile delle malattie mentali, la emarginazione dei "diversi", gli squilibri e i contrasti derivati dall'applicazione imperfetta e priva di convinzione della legge che ha portato alla chiusura dei manicomi ("a dieci anni dalla 180" è il sottotitolo della raccolta).
Interventi di medici e operatori sanitari, testimonianze dirette, esperimenti di laboratorio creativo (stimolante il materiale iconografico che illustra il volume), articoli su "arte e follia", un fumetto e altro ancora, costituiscono un contributo concreto e ponderato, conscio degli inevitabili limiti imposti dall'affrontare un argomento così ampio ("il nostro lavoro non ha né punti di arrivo né punti di partenza. E' un insieme di spaccati, di voci e d'emozioni" ).
Allo stesso modo, i quattro gruppi coinvolti hanno preparato grafiche, testi e canzoni in sintonia con il tema del progetto. Appare quasi superflua a questo punto una "critica" dei contenuti musicali, vista la rilevanza del prodotto nel suo insieme(esiste anche una appendice su videocassetta) , tenterò comunque di fornire alcune indicazioni. Qualche perplessità è suscitata dalla prima facciata, interamente occupata dai Pagan Easter di La Spezia, soprattutto per l'uso della voce e la stentata pronuncia in inglese, che frappone un antipatico filtro alla comunicazione di tormentate analisi interiori, mettendo in ombra anche i progressi strumentali compiuti dal gruppo (oggi ancora più orientato verso sonorità non convenzionali, rispetto alle registrazioni qui contenute).
Veramente ottimo il lato B, spartito da tre formazioni che hanno in comune solo l'uso estremamente spontaneo e diretto della lingua italiana, visto il suono e lo stile personale che le contraddistingue. "Valium" dei Pedago Party, Crass-punk evoluto e grintoso dalla provincia di Piacenza, "E la mente si muove scoordinata" dei milanesi Ca Ira, psico-funk metropolitano anni ottanta, più i tre brani dei già rodati Gronge di Roma, costituiscono il migliore suggello per la coraggiosa operazione di Amen: musica rivolta verso il nuovo senza essere astrusamente sperimentale, testi non banali che riescono a esprimere emozioni sincere e "reali". In particolare il linguaggio maturo e sofferto dei Gronge, crudo e allo stesso tempo ricco di sfumature, risulta molto efficace nel comunicare gli incubi della "massa nera che ci comprime il cervello", nel sezionare "la paura di aver dentro la bestia nera". Questo non è entertainment!
Contatto: Angela Valcavi, Via Rismondo 117, 20153 Milano.